TdR, prima tappa a Sierra

Arlenis Sierra vince a Losanna
Keystone Arlenis Sierra vince a Losanna

E' scattata nella giornata di venerdì la corsa a tappe del Tour de Romandie femminile, la cui prima frazione, con inizio e fine a Losanna, è stata vinta dalla cubana Arlenis Sierra in volata. Nella stessa era presente anche Elise Chabbey che ha terminato al sesto posto. Linda Zanetti, unica ticinese al via, si è classificata 64a.

Lugano, due importanti rientri

Mattia Bottani
KEY Mattia Bottani

Rinfrancato dal primo successo casalingo, il Lugano vuole cavalcare l'onda. Domenica, contro il Basilea, non sarà facile ripetersi, ma i recuperi di Arigoni e Bottani allargano la rosa a disposizione di un guardingo Croci-Torti: "Dopo la sconfitta in Conference, loro saranno arrabbiati. Dovremo soffrire".

Una spinta in più potrebbe arrivare dal pubblico: "Con il Servette mi ha fatto molto piacere vedere quella cornice. Vincere serve anche per incentivare altre persone a venire allo stadio".

"Devo ancora vedere se confermare la squadra o cambiare qualcosa", ha spiegato il mister. Sicuro assente Celar.

Migliori svizzere alla BJK Cup

Saranno Belinda Bencic (WTA 14), Jil Teichmann (36), Viktorija Golubic (80) e Simona Waltert (114) a rappresentare la Svizzera alla fase finale della Billie Jean King Cup a Glasgow.

Le rossocrociate tenteranno di conquistare il titolo, sfiorato l'anno scorso quando sono state superate dalla Russia in finale, con una formazione molto simile a quella schierata la scorsa edizione. La Waltert prende infatti il posto di Stefanie Voegele (220).

Nella fase a gironi le elvetiche se la vedranno con Italia e Canada, quest'ultime rinforzate da Leylah Fernandez (38) e Bianca Andreescu (57).

CM, Galles ultimo ostacolo

Ana Maria Crnogorcevic
Keystone Ana Maria Crnogorcevic

Fra la Svizzera e i Mondiali femminile, di scena la prossima estate in Australia e Nuova Zelanda, rimane verosimilmente solo il Galles. Nel primo turno di playoff le britanniche hanno battuto 1-0 dopo i supplementari la Bosnia, offrendosi la sfida di martedì contro Lia Waelti e compagne.

CoL, Basilea ko con lo Slovan

Sorpresi al San Giacomo
KEY Sorpresi al San Giacomo

Il Basilea è andato incontro alla sua prima sconfitta in Conference League. I renani, battuti al Sankt Jakob-Park per 2-0 dallo Slovan Bratislava, restano comunque in testa al loro girone, a pari punti con il Pjunik Yerevan.

La squadra di Frei ha iniziato male la partita, subendo le reti al 36' di Pauschek e al 46' con Cavric. Nel secondo tempo i padroni di casa hanno cambiato ritmo, senza tuttavia crearsi grosse occasioni da gol. 

Il Vaduz ha invece ottenuto un prezioso punto, che tiene vive le speranze. Gli uomini di Mangiarratti hanno pareggiato 2-2 col Dnipro a Kosice.

Moto: La Yamaha piange Phil Read

All'età di 83 anni si è spento a Canterbury Phil Read, leggendario alfiere della Yamaha degli anni '60. Primo pilota nella storia a conquistare il titolo nelle tre classi, il britannico portò al successo per la prima volta la casa nipponica, conquistando in totale 52 Gran Premi e 7 campionati iridati, due dei quali nella classe regina.

Zurigo schiantato dal PSV

Troppo PSV per lo Zurigo
KEY Troppo PSV per lo Zurigo

Funziona poco o nulla in casa Zurigo. Impegnata contro il PSV Eindhoven nel terzo turno di EL, la squadra di Colatrella è stata umiliata con un netto 5-1 al Letzigrund e resta ferma al palo.

I padroni di casa hanno messo in mostra tutti i loro limiti sul piano difensivo, subendo quattro gol in 35' per mano di Vertessen (2), Gakpo e Simons. In quasi tutte le occasioni è apparso inadeguato Kryeziu, protagonista di una prova sconcertante.

Qatar ultima occasione di Messi

Leo Messi
KEY Leo Messi

Dopo averla sfiorata nel 2014 nella finale contro la Germania, Lionel Messi avrà un'ultima occasione di vincere la Coppa del Mondo in Qatar. "Sarà la mia 5a e ultima partecipazione", ha dichiarato a ESPN la Pulce.

"Da una parte non vedo l'ora di giocare, dall'altra sento il disperato bisogno che vada tutto per il meglio", ha aggiunto il 35enne attaccante del PSG.

Reduci dai trionfi in Copa America e nella Finalissima con l'Italia, Messi e gli argentini arrivano ai Mondiali in fiducia: "Non so se siamo i favoriti, ma storicamente l'Argentina è sempre tra le candidate alla vittoria".