Schneider-Ammann lascia

Johann N. Schneider-Ammann lascerà l’Esecutivo federale. Le sue dimissioni sono state annunciate martedì dal presidente del Consiglio nazionale Dominique De Buman. 

Lo scorso aprile aveva anticipato che quella in corso sarebbe stata la sua ultima legislatura in Consiglio federale. Da tempo si parlava di una certa stanchezza del ministro, giustificata dai suoi portavoce con i numerosi impegni.

Schneider-Ammann era stato eletto in Consiglio federale il 22 settembre 2010, a 58 anni, con 144 voti, succedendo a Hans Rudolf Merz, anche lui del Partito liberale democratico. 

Gut, meno gare per più vittorie

Lara Gut
KEY Lara Gut

Lara Gut non vede l'ora di tuffarsi nella nuova stagione. "Rispetto a un anno fa sto molto meglio. Ho fatto una preparazione completamente diversa, ma soprattutto sono riuscita a conciliare l'allenamento con la mia vita privata".

Durante il prossimo inverno la 27enne ticinese non parteciperà alle supercombinate. "Mi portano via troppe energie. Preferisco concentrarmi sul gigante. Far tutte le gare per non vincerne mezza... facciamone la metà e proviamo e vincerne qualcuna in più".

"Valon sugli sci? Per le ginocchia è meglio di no, ma pian pianino dovrà insegnarmi a palleggiare".

Cancellati oltre 2'000 impieghi

La misura fa parte della strategia di riorganizzazione dell'azienda, lanciata nel 2015
Keystone La misura fa parte della strategia di riorganizzazione dell'azienda, lanciata nel 2015

Il gigante farmaceutico Novartis cancellerà oltre 2'000 posti in Svizzera nei prossimi 4 anni. La misura fa parte della strategia lanciata nel 2015. Negli stabilimenti di Locarno, Basilea, Schweizerhalle e Stein verranno soppressi 1'450 posti di lavoro; altri 700 verranno spostati all’estero.

"Sappiamo cosa significa l'odierno annuncio per i collaboratori e le loro famiglie," ha ammesso Vas Narasimhan, capo della multinazionale, in un comunicato di martedì. Novartis intende dare pieno appoggio a tutti i dipendenti.

L'azienda parla concretamente di un piano sociale, prepensionamenti e di un "Jobcenter" per assunzioni interne ed esterne.

Dimissioni eccellenti a Instagram

I co-fondatori e dirigenti di Instagram, l’applicazione di condivisione di foto acquistata da Facebook nel 2012, si sono dimessi. Lo hanno fatto sapere lunedì sera confermando un’informazione del New York Times.

"Mike (Krieger) ed io siamo riconoscenti per gli otto ultimi anni a Instagram e i sei a Facebook (…) Prendiamo congedo per esplorare nuovamente la nostra curiosità e la nostra creatività" ha scritto sul sito dell’azienda il direttore generale Kevin Systrom, che con Krieger ha creato l’applicazione nel 2010.

In giugno Instagram ha annunciato di aver raggiunto quota un miliardo di utenti.

Armi, "si valuti caso per caso"

Le armi fornite sarebbero sistemi di difesa nazionale
Keystone Le armi fornite sarebbero sistemi di difesa nazionale

“Per questioni di politica di sicurezza la modifica è adeguata e necessaria. I timori circa l’impiego di armi svizzere in guerre civili sono infondati”. È una prima risposta del Governo ad un atto parlamentare sul previsto allentamento delle condizioni d’esportazione di armi. Il Nazionale ne parlerà mercoledì durante un dibattito urgente.

“Si tratta di sostituire un divieto assoluto con distinzioni su materiale e destinatari – aggiunge il Consiglio federale – le nostre norme resteranno più severe rispetto ai trattati internazionali. Valuteremo caso per caso”.

Il Medio Oriente rimane escluso da qualsiasi cambiamento. Le armi fornite sarebbero sistemi di difesa nazionali.

Commercio con Iran, la soluzione UE

L'Unione Europea creerà un organismo apposito per continuare ad operare commercialmente con l'Iran.

Lo ha annunciato l'Alto commissario degli esteri UE Federica Mogherini. L’obiettivo è di concludere transazioni con Teheran nonostante le sanzioni degli Stati Uniti. Sarà creata "un'entità legale per facilitare le legittime transazioni finanziarie" con Teheran, ha detto Mogherini al termine di una riunione incentrata sulla salvaguardia dell'accordo nucleare con Iran, dopo la dissociazione da parte di Washington.

Proprio oggi, martedì, Donald Trump terrà un discorso all’ONU il cui obiettivo è mobilitare gli Stati membri contro Teheran.

L'arte nel bosco in Capriasca

Una delle opere
Artinbosco Una delle opere

Trasformare una foresta in un museo a cielo aperto è l’idea alla base del progetto "Artinbosco". Il bosco di San Clemente, nel comune di Capriasca, è infatti teatro del primo percorso espositivo in Ticino ispirato alla Landart, ossia le creazioni artistiche in armonia con la natura.

A proporlo l'associazione Artinbosco con il sostegno dell'ente turistico Lugano Region e del comune di Capriasca. Le opere sono realizzate proprio sul percorso da sei artisti, cinque stranieri e uno svizzero. 

Artinbosco sarà inaugurato con un evento aperto al pubblico sabato 29 settembre 2018 alle 10.30. 

Dimissioni, anzi no

Rosenstein all'uscita dalla Casa Bianca
keystone Rosenstein all'uscita dalla Casa Bianca

Rod Rosenstein si dimette (rimettendo verbalmente il mandato al capo dello staff Chris Kelly) prima di essere rimosso: questa la notizia diffusa lunedì dal sito Axios e che l'interessato secondo la NBC ha poi smentito.

Giovedì però vedrà alla Casa Bianca Donald Trump, ora a New York alle Nazioni Unite, e rischia di essere effettivamente silurato e quindi sostituito con un uomo di fiducia del presidente.

Rosenstein sovraintende al lavoro di Robert Mueller, il procuratore che indaga sul Russiagate. Secondo il New York Times, nel 2017 aveva però suggerito di registrare Trump per dimostrarne l'inadeguatezza e ottenerne la rimozione.