Annessione, Mosca chiede voto segreto

La Russia ha chiesto il voto a scrutinio segreto sulla risoluzione ONU che condanna il "tentativo di annessione illegale" dei territori ucraini.

Mosca ha già posto il veto ad una bozza simile in Consiglio di Sicurezza il 30 settembre, e così gli Stati Uniti hanno deciso di portare la questione all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dove le risoluzioni non sono giuridicamente vincolanti, ma non c'è potere di opporsi.

La sessione speciale inizierà lunedì con una maratona di discorsi, e il voto è probabile non prima di mercoledì. Apparentemente Mosca spera di ottenere un sostegno maggiore se i pronunciamenti dei Paesi non saranno pubblici.

Da Mesoraca al Ticino

Tocca anche il Ticino l’inchiesta che lunedì mattina, in Calabria, ha colpito la cosca di Mesoraca. Trentuno gli ordini di arresto, emessi su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.

In cima all’elenco spicca quello che è ormai, da una ventina d’anni, il capo indiscusso della ‘ndrina crotonese. Il suo nome era già comparso in varie inchieste legate alla Svizzera. Tra gli indagati figurano anche altri nomi già noti alle auotirtà elvetiche.

Il Ministero pubblico della Confederazione ha fatto sapere di essere in stretto contatto con le autorità italiane. Al momento non ha aperto però un’inchiesta.

Un nuovo comparto scolastico a Lodrino

La nuova sede della scuola media di Lodrino, nel comune di Riviera, prenderà presto forma. E' stato infatti presentato oggi, venerdì, il progetto vincitore – denominato META – scelto all’unanimità fra altri perché rispecchia i principi dei nuovi standard logistici cantonali per l’edilizia scolastica.

La realizzazione del nuovo comparto scolastico prevede un investimento complessivo di circa 38 milioni di franchi da parte del Cantone.

Se il Gran Consiglio approverà il credito a inizio 2024, i lavori dovrebbero cominciare l’anno seguente per terminare entro il 2028.La nuova sede potrà accogliere nei nuovi spazi circa 350 studenti.

Soletta, arrestato dopo la fuga

Un uomo di 37 anni è fuggito durante un controllo di polizia venerdì mattina a Soletta. Ma prima ha minacciato un agente di polizia con un coltello e ha rubato una bicicletta a un passante. Il fuggiasco, di nazionalità kosovara, è stato catturato solo dopo un inseguimento a cui hanno preso parte diverse pattuglie della polizia comunale e cantonale. 

Economia e agricoltura a braccetto

La conferenza stampa di Berna
keystone La conferenza stampa di Berna

Con un anno d'anticipo, le organizzazioni imprenditoriali e agricole si preparano alle elezioni federali dell'autunno 2023. Riunitesi venerdì a Berna, le quattro principali organizzazioni economiche elvetiche hanno annunciato di volersi lanciare a braccetto nella corsa al Parlamento.

In campagna elettorale, sosterranno i rispettivi candidati e le rispettive politiche. Il motto scelto è quello di offrire "prospettive invece di utopie".

Economiesuisse, Associazione svizzera delle arti e mestieri, Associazione svizzera degli imprenditori e Unione svizzera dei contadini si concentreranno soprattutto sull'economia, facendo capo anche ai social media.

Frontale sulla A8, un morto

Un automobilista è morto venerdì sulla semiautostrada A8 nei pressi di Leissigen, sulle rive del lago di Thun, in uno scontro frontale con un furgoncino. L'autostrada tra Interlaken e Spiez è stata chiusa al traffico per diverse ore, ha precisato la polizia cantonale bernese. L'autista dell'altro veicolo è stato portato in ospedale in ambulanza. 

Ucraina, la Svizzera invia ancora aiuti

La Svizzera fornirà attrezzature per contrastare gli incendi, depurare le acque contaminate e rimuovere detriti e macerie alle autorità ucraine. Lo comunica venerdì il DFAE.

Il materiale, per un valore complessivo di 5,2 milioni di franchi, è stato donato dal Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) e dalla città di Basilea.

Tutto il materiale sarà trasportato via terra in modo scaglionato e consegnato al servizio della protezione civile dopo una formazione. Oggi, venerdì, i due primi camion, con a bordo quattro macchinari da cantiere, sono partiti alla volta dell’Ucraina.

Esplode un bancomat a Rossens

Un bancomat è stato fatto saltare in aria nella notte fra giovedì e venerdì a Rossens, nel canton Friburgo. I ladri sono riusciti a scappare, forse a bordo di un'auto rossa, con una somma di denaro ancora sconosciuta, secondo quanto riferito dalla polizia cantonale. Il caso è di competenza del Ministero pubblico della Confederazione (MPC).