Maltempo in Cina, 4 morti e 10 dispersi

Maltempo in Cina
Keystone Maltempo in Cina

Quattro persone sono morte e altre 10 risultano disperse a causa delle piogge torrenziali che continuano a colpire la Cina meridionale, soprattutto la provincia del Guangdong.

È l'ultimo bollettino sull'ondata di maltempo eccezionale diffuso dai media statali di Pechino, secondo cui decine di migliaia di residenti sono stati costretti a evacuare dalle città sulle rive del fiume Bei, un affluente del più ampio delta del fiume Pearl.

Le piogge continueranno e le autorità meteorologiche hanno previsto "temporali e forti venti lungo la costa del Guangdong", nel tratto a ridosso delle principali città dell'area tra cui Hong Kong e Shenzhen.

Regno Unito, incriminati per spionaggio

Sono state formalmente incriminate dalla polizia britannica le due persone, due uomini di 29 e 32 anni, arrestate lo scorso anno nel Regno Unito poiché pure loro sospettate di spionaggio a favore della Cina. Lo ha reso noto Scotland Yard.

Uno dei due lavorava come ricercatore al Parlamento di Westminster. I capi d'imputazione riguardano violazioni dell'Official Secrets Act, legge sulla tutela dei documenti riservati.

"Christopher Berry e Christopher Cash saranno accusati di aver fornito informazioni giudiziarie a uno Stato straniero, la Cina, e compariranno davanti alla Corte dei magistrati di Westminster venerdì 26 aprile".

Altra ondata di gran caldo in India

L'India sta vivendo un’altra ondata di calore in aprile: numerose aree del Chhattisgarh, Jharkhand, dell'Odisha e le pianure dell'ovest Bengala hanno registrato 43 gradi, con le massime che superano la media di 8-10 gradi. I quasi 40 gradi registrati nella capitale del Maharashtra sono il picco più alto toccato in aprile da dieci anni.

Violento sisma scuote ancora Taiwan

Una palazzina inclinatasi su un fianco dopo la scossa tellurica del 3 aprile a Taiwan
Keystone Una palazzina inclinatasi su un fianco dopo la scossa tellurica del 3 aprile a Taiwan

Un forte terremoto è stato avvertito oggi, lunedì, a Taipei, sull’isola di Taiwan. Il sisma ha fatto registrare una magnitudo di 5.3, riporta l'Istituto geofisico statunitense USGS.

Il terremoto è stato localizzato davanti alla costa centro-orientale dell'isola, a 30 km a sud di Hualien City e ad una profondità di 8,9 km. Non vengono segnalati allarmi tsunami. La scossa iniziale è stata seguita da due altri terremoti sulla terraferma, di magnitudo 5.2 e 5.1.

Il 3 aprile scorso la stessa zona di Taiwan era stata investita da un altro, violento terremoto di magnitudo 7.4, a causa del quale avevano perso la vita almeno 17 persone.

Tre tedeschi arrestati per spionaggio

keystone

Tre tedeschi sospettati di spionaggio per i servizi segreti cinesi sono stati arrestati lunedì nella Germania occidentale. Lo ha annunciato la Procura federale in un comunicato stampa.

Le tre persone, identificate come Herwig F., Ina F. e Thomas R., "sono fortemente sospettate di aver lavorato per un servizio segreto cinese da una data non definita prima del giugno 2022", ha scritto la Procura, che è responsabile dei casi di spionaggio in Germania.

I tre tedeschi, sospettati di lavorare per il Ministero della Sicurezza di Stato cinese, sono stati arrestati a Düsseldorf e Bad Homburg. Secondo il comunicato, le loro case e i loro luoghi di lavoro sono stati perquisiti.

"Maggio difficile per esercito Kiev"

Un caccia russo abbattuto nei cieli di Kharkiv dalla contraerea ucraina
Twitter/x Un caccia russo abbattuto nei cieli di Kharkiv dalla contraerea ucraina

"Secondo le nostre valutazioni nel prossimo futuro ci troveremo di fronte a una situazione piuttosto difficile ma non catastrofica e dobbiamo capirlo. Non sarà l'Armageddon, come molti dicono. Ma ci saranno problemi da maggio": parola del capo dei servizi segreti militari ucraini (GUR), Kyrylo Budanov.

"Il prossimo mese sarà difficile. Ma difficile e catastrofico sono cose diverse. Abbiamo avuto momenti difficili più volte", ha proseguito Budanov. "Non accadrà nulla di straordinario. Conosciamo tutti i loro piani in anticipo".

"L'Ucraina non perderà e l'Ucraina non sarà distrutta. Questo deve essere compreso", ha aggiunto il capo dell'intelligence militare di Kiev.

Israele, si dimette capo intelligence

Aharon Haliva, il generale al comando della direzione dell'intelligence militare israeliana il 7 ottobre, si è dimesso per il fallimento dell'esercito nel prevenire l'attacco nel sud di Israele compiuto da Hamas quel giorno. Lo riportano i media israeliani.

Haliva aveva già indicato che si sarebbe dimesso una volta conclusa la guerra, e sembra destinato a rimanere nel ruolo fino alla nomina di un sostituto. Il quotidiano Ynet ha pubblicato un'immagine della sua lettera di dimissioni.

Il generale aveva già descritto gli eventi del 7 ottobre come "un fallimento dell'intelligence militare".

ANSA

Gerusalemme, auto investe tre pedoni

Poliziotti israeliani soccorrono una persona a Gerusalemme
Keystone Poliziotti israeliani soccorrono una persona a Gerusalemme

La polizia israeliana ha dichiarato che lunedì un'auto è piombata sui pedoni a Gerusalemme, ferendo lievemente tre persone. Il filmato dell'incidente, ripreso da una telecamera, mostra un'auto che travolge tre ebrei ultraortodossi; due sono letteralmente volati sul parabrezza del veicolo.

I palestinesi hanno compiuto attacchi periodici contro città e paesi israeliani dall'inizio della guerra del Paese contro Hamas, il 7 ottobre. Durante questo periodo, la violenza è aumentata in Cisgiordania.

Nel weekend un funerale in Cisgiordania ha commemorato 14 palestinesi uccisi durante un raid israeliano nel campo profughi di Nur Shams.